Screen Saver: Cascata Val Malene Screen Saver per Windows sull'arrampicata su ghiaccio: Cascata_Val_Malene_SS.zip" (529Kb)
Animazione: Prima discesa in sci estremo del Vajo delle Frane Prima discesa in sci estremo del Vajo delle frane (55° max), Piccole Dolomiti: vai a vedere!
Screen Saver: discesa in sci estremo della Parete Nord della Marmolada Discesa in sci (55°, un tratto di 60°) per la Parete Nord della Marmolada (Dolomiti): Marmolada_Parete_Nord_SS.zip (1137Kb: dopo aver decompresso il file, inserlo nella cartella di sistema di Windows!)
Breve video: arrampicata su Placca in Svizzera Arrampicata su placca in Svizzera: video...
SORVOLO VIRTUALE di PAESAGGI NATURALI: n°1 | n°2 | n°3 | n°4...

Scarica il libro "Nodi - Ultima Frontiera" in formato PDF
Scarica il libro sui nodi in formato PDF Nodi_Ultima_Frontiera.pdf
Per poter aprire il file e leggerne il contenuto è necessaria una pass-word da richiedere via e-mail (info@febat.com) che verrà comunicata previo pagamento di sole € 5,00



Le vie nuove in montagna   Palestre di roccia  
In questa sezione, vi è una raccolta delle mie vie nuove in montagna.
E' possibile scaricare la relazione in formato "pdf".
Relazioni di 17 vie nuove.

  Uno spazio non può non essere dedicato ad un certo numero di palestre di roccia, più o meno famose e note... (Ao, Bg, Fi, Pd, Tn, Ts, Vi)  
       
Proposta della scala della difficoltà di chiodatura   Tabella comparativa delle scale della difficoltà  
Viene qui presentato il riarrangiamento di un mio articolo apparso su "La Rivista del CAI" (n°2 anno 1996) in cui proponevo una nuova scala della difficoltà della chiodatura.
Il mio articolo è stato citato sul Notiziario del CAAI.

  Ci sono molte scale della difficoltà di arrampicata su roccia: UIAA, francese, americana... tanto per citare quelle più famose!
Fare un po' di chiarezza in questa giungla non solo è utile, ma può prevenire spiacevoli inconvenienti...
 
       
Elenco dei "Quattromila" delle Alpi    
Moltissimi alpinisti saranno saliti almeno su un 4000 delle Alpi, ma ben pochi quelli che hanno sottomano la lista con i nomi di tutte le cime delle Alpi che superano i 4000 m. E ancor meno quelli che si ricordano tali nome.
Ecco che avere sottomano una tabella con l'elenco completo può essere non solo utile ma anche costituire uno sfizio per soddisfare la curiosità...
E' possibile scaricare l'elenco dei rifugi in formato "pdf".
   
       
Rifugi CAI nelle Alpi   Rifugi nelle Piccole Dolomiti  
Dato che gli alpinisti ormai non esitano a spostarsi parecchio per andare ad arrampicare sia su roccia sia su ghiaccio, può essere molto utile avere a disposizione l'elenco dei numeri telefonici dei rifugi CAI delle Alpi, aggiornati in primavera del 2001.
E' possibile anche scaricare l'elenco completo in formato "pdf"
  Per muoversi più agevolmente nelle Piccole Dolomiti in ogni stagione, può essere di parecchio aiuto conoscere tutti i rifugi e le malghe (e i relativi n° di telefono) presenti in loco.
E' possibile scaricare in formato .pdf l'elenco dei rifugi e malghe.
 
       
Cruciverba alpinistico   Foto panoramiche a 360° in QTVR  
Poco dopo la mia prima iscrizione al CAI, ho iniziato a pubblicare qualcosa sul notiziario della sezione e una delle prime cose è stato proprio un cruciverba, che ora ripropongo... anche in formato "pdf".   Questa interessantissima sezione, è possibile salire in cima ad una montagna, percorrere un canalone innevato stando comodamente seduti davanti ad un monitor... Sì non vi sto prendendo in giro, ma è tutto vero, grazie alle foto in "virtual reality"!!!
E' necessario avere il Quick Time 4.0 o superiore, scaricabile dal sito della Apple: www.apple.com.
 
       
Tecnica dei due sassi   Comportamento in sosta  
Ad inizio stagione, al ritorno di vie alpinistiche può capitare di dover attraversare zone innevate e/o lingue nivose. Una semplice tecnica consente di far ciò in maggiore sicurezza, in mancanza di piccozza e scarponi.   Alcuni consigli sul comportamento da seguire nella manovra di corda in sosta, al termine di un monotiro di palestra (di roccia)...  
       
Manovra di corda doppia   Tecnica avanzata di corda doppia su cliff  
"Corda doppia": una manovra semplice ma cui prestare la dovuta attenzione per evitare spiacevoli inconvenienti.
Alcuni consigli utili...
  Conviene sempre almeno conoscere qualche strana tecnica di emergenza per corde doppie. La stranezza, in questo caso è che il supporto della doppia è niente meno che un cliff hanger, uno di quegli attrezzi utilizzati nell'arrampicata in artificiale.  
       
Dizionario Alpinistico   Elenco degli "Ottomila" della terra...  
Arrampicando o, in generale, frequentando la montagna spesso capita di dover scambiare qualche parola con gli stranieri: ecco che può essere utile una tabella comparativa con i principali termini alpinistici in 5 lingue: Italiano-Inglese-Francese-Tedesco-Spagnolo.   Suppondo che tutti sappiano che gli "Ottomila" sono 14, non è semplice trovare l'elenco dei nomi delle montagne e le relative altezze.
Può essere utile una semplice ma chiara tabella...
 
       
Portachiavi sui nodi   Links nel Web  
Un'idea simpatica nell'impiego dei miei nodi è quella nei portachiavi, di cui si può aver sempre bisogno; oppure giusto per avere semplicemente un gadget...   In questa sezione è presente tutta una serie di links utili per saperne di più sulla montagna...  
       
Coniglio con la coda   Tecniche avanzate per la corda doppia  
Un interessante nodo, di mia invenzione, di provenienza speleologica utile per la sistemazione di corde doppie.
(pagine in costruzione...)
  Vengono descritte alcune tecniche di emergenza per la corda doppia utili in certe situazioni che si possono presentare sia nelle palestre di roccia che in montagna.
(pagine in costruzione...)
 




Ho iniziato ad arrampicare quasi per caso nel lontano 1990, in una palestra di roccia mentre prendevo sempre più confidenza con le tecniche di progressione su sola corda per la speleologia. Sì, perché era proprio con questa attività che ho iniziato ad avvicinarmi meglio alla montagna, con un certo metodo e con migliori conoscenze. Arrampicata artificiale a Primolano, in Valsugana E mi ricordo che, con gli scarponi, avevo provato una via un po' strapiombante di 5+ e non mi era parsa nemmeno troppo difficile! Così avevo un altro motivo per frequentare le palestre di roccia: arrampicare! Dopo tutto era sempre una attività strettamente legata alla montagna e che mi poteva aprire altri nuovi orizzonti e far conoscere altre realtà...
Dopo qualche anno a "tirare e a spingere" in palestra cercando di migliorare le mie capacità tecniche, ma con materiali non proprio a norma, mi era venuta voglia di andare oltre al primo tiro di corda.
Cercando nella biblioteca del CAI qualcosa che potesse andare bene, ho trovato un posto interessante: le Placche Zebrate, ora una famosa palestra nella valle del Sarca tra Trento e il lago di Garda. Era il 1992. La mia prima via in montagna, nelle Piccole Dolomiti Così vedendo che poi non era così difficile salire vie lunghe, dopo essermi documentato con vari manuali nel 1993 ho iniziato a percorrere vie lunghe, di media difficoltà, in montagna nelle Dolomiti... Ma, come mi interessavo delle manovre di corda e dei nodi, cercando di inventarne di nuovi, anche in montagna volevo lasciare correre la mia fantasia, e uno dei modi era di aprire nuovi itinerari alpinistici. E così è stato: la mia terza via in montagna è proprio una via nuova di 300-400 metri in una zona selvaggia quali sono le Marmarole. Una placconata in Val Ferret, alle pendici del Monte Bianco Nel corso degli anni ho ripetuto molte vie alcune anche con la tecnica dell'arrampicata in artificiale, ma il mio livello arrampicatorio non è accresciuto come avrei sperato, ma c'è ancora molto e molto tempo davanti... Mi posso, se così si può dire, consolare sapendo di poter ripetere vie alpinistiche senza corda, slegato... veramente una meravigliosa sensazione di assoluta libertà!!!

Ultimamente sono anche interessato ad approfondire la mia conoscenza circa la progressione su ghiaccio, sia su ghiacciaio che su colatoi, per poter percorrere la montagna anche nella sua fantasmagorica veste invernale. Una vetta vicino al monte Cevedale Sì, in inverno e senza dimenticare lo sci-alpinismo! Anche lo sci? Eh sì, perché a sciare ho iniziato addirittura a 6 anni continuando per una buona decina d'anni in modo continuativo. E' un'attività entusiasmante soprattutto se il percorso non è banale: permette di allenarsi e magari raggiungere facilmente gli attacchi delle vie su roccia o su ghiaccio! Una placconata in Val Ferret, alle pendici del Monte Bianco Ultimamente, nelle Piccole Dolomiti (Vi) ho percorso alcuni canaloni (chiamati anche Vajo, al singolare) in salita con ramponi e piccozza e in discesa con gli sci. Ho avuto anche la fortuna di compiere la prima discesa in sci etsremo di un vajo lungo 250m. Così sono riuscito a superare pendenze massime di 55!!!
In giugno del 2001, dato che mi sentivo abbastanza sicuro, sono riuscito, con ottimo successo e soddisfazione, a scendere il ripido scivolo della Parete Nord della Marmolada, che, notoriamente, costituisce una via classica su ghiaccio. Anche se la parete offre una pendenda massima di 55, ho incontrato un piccolo salitno con pendenza superiore, che valuto pudenzialmente di 60. Mi sono reso felicemente conto che, se la neve non è troppo marcia e se non c'è ghiaccio, sono in grado di muovermi fino ad una pendenza di 55. Discesa con gli sci della Parete Nord della Marmolada

Non arrampico soltanto, bensì, fin dal 1990 mi sono interesso pure di materiali e tecniche di corda (nodi compresi!). Ma il mio interesse non era passivo, ma attivo, in quanto mi chiedevo se si potevano migliorare certe manovre o, addirittura, inventarne di nuove. Da allora ho inventato una quindicina di nodi per l'alpinismo, ma soprattutto per la speleologia. Inoltre ho escogitato alcuni sistemi per le manovre di corda doppia e un innovativo ed interessante metodo di auto-assicurazione per l'arrampicata in solitaria. Ho scritto qualche articolo pubblicato in alcune riviste nazionali e in un periodico a carattere locale. Molti dei miei nodi li ho raccolti in una pubblicazione del 1997 dal titolo: "Nodi - Ultima Frontiera" e altri ancora in un CD-Rom multimediale presentato ad un convegno di speleologia nel 1999: "Nodi per la speleologia - Ultima Frontiera 2" (il primo di questo tipo, presente sul mercato italiano!!!).







Laboratorio Sport di Padova www.livedolomiti.com



Federico Battaglin
Italy
Cellulare (SMS): (+39) - 340-5890259
e-mail: info@febat.com